455-paretiattrezzate-87422-b-2Si può tranquillamente dire che dal secondo dopoguerra le industrie dell’arredo hanno costantemente cercato in tutti i modi di sostituire il legno con altri materiali come la plastica, il metallo ed i “compositi”, nella costruzione dei mobili e dei suppellettili per le nostre case. Vuoi per motivi economici, vuoi per motivi industriali, vuoi per motivi a volte forzatamente “ecologici“, il legno è stato sempre più accantonato come materiale costruttivo per gli arredi. Ultimamente poi la crisi economica che ormai da molto tempo attanaglia l’economia mondiale, ha dato un ulteriore colpo alla secolare abitudine dell’uomo di fabbricare i mobili in legno rendendolo quasi raro da trovare nei negozi di mobili.

In verità però il legno nel mondo dell’arredamento è sempre rimasto. Nessuno ha mai pensato di poterne fare completamente a meno, tant’è vero che anche i “laminati”, i materiali più usati dall’industria del mobile, simulano volutamente il legno naturale attraverso texture sempre più elaborate e assomiglianti, che rendono in effetti la mancanza del materiale originale meno sentita.

Che materia eccezionale è però il vero legno…. nulla potrà mai sostituire il calore, il confort e la belleTischlerei-Engl-Hochschrank-Asteiche-Auszuge-Metall-alubeschichtetzza di questa eccellente sostanza così cara ad ognuno di noi. E’ forse per questo che ultimamente si sono riaffacciate nell’arredo alcune “essenze” di vero legno molto belle e originali le quali, non a caso, sono capaci con le loro caratteristiche di offrire ciò che la gente adesso vuole, cioè un certo ritorno al “passato” e a tutto quanto di buono trasmettevano queste eleganti materie quando venivano utilizzate in preponderanza dagli artigiani di tutto il mondo.  E’ il caso del cosiddetto “rovere nodato” un essenza adesso particolarmente di moda per le sue caratteristiche di durevolezza, naturalezza ed eccezionale estetica.

I mobili in cui viene inserita questa essenza appaiono come “incastonati” da sublimi opere d’arte naturali dall’effetto veramente eccezionale. Ne esistono svariati utilizzi: Nella zona giorno, in cucina, ed in camera da letto, ma è probabilmente nelle cucine e nei soggiorni che questo prodotto riesce a esprimere meglio le proprie caratteristiche.

Eppure, a voler guardar bene, il rovere nodato, in effetti non è altro che un vero e proprio paradosso. Si tratta della scelta, volutamente forzata, di tutte quelle parti dell’albero della quercia che cresce ad alta quota che presentano dei naturali “difetti”. Si perché… parliamoci chiaro i cosiddetti “nodi” venivano considerati dagli artigiani del passato dei veri e propri difetti che andavano a disturbare l’omogeneità della splendida venatura del legno. La necessità “moderna” di un certo ritorno alla natura, di una riappropriazione di alcuni valori del passato, a fatto sì che questi ipotetici difetti divenissero al contrario il vero valore aggiunto dellacicio titolo materia. Quasi una forma di “decorazione” c
he serve psicologicamente a tutti noi a ritrovare ciò che tutti abbiamo nel cuore, la nostra tradizione, la nostra storia familiare e i nostri ricordi più cari legati alla casa.

Del resto dal punto di vista progettuale e costruttivo ben pochi materiali si adatto bene come il legno naturale alla costruzione di mobili e suppellettili per la casa, quindi, se anche questa sostanza costa effettivamente un po’ di più di altre, perché non utilizzarla al meglio per ricreare quell’atmosfera e quell’emozione che soltanto queste cose possono dare?

Venite a vedere da noi in negozio di che cosa stiamo parlando e vi accorgerete anche voi di aver desiderato da sempre questo tipo di oggetto, magari senza nemmeno saperlo……