Importanti novità sul "bonus Mobili" nella circolare dell'agenzia delle Entrate del 31 Marzo 2016 !!

Importanti novità sul
E' del 31 Marzo l'ultima circolare esplicativa della Dott.ssa Rossella Orlandi, direttrice dell'Agenzia delle Entrate, a proposito del bonus mobili. Vediamone i contenuti più essenziali e le novità in essa riportate: Non è più necessario pagare attraverso il bonifico appositamente predisposto da banche e Poste per le spese di ristrutturazione edilizia. In pratica attraverso questa circolare il ministero ha innanzitutto dichiarato "superate" le precedenti indicazioni fornite con la Circolare n. 29/E del 2013, par. 3.6, con riferimento all’utilizzo del cosiddetto "bonifico soggetto a ritenuta", con cui erano obbligatori i pagamenti sino all'ultima spiegazione data in merito a questo adempimento.. Da ora in poi sarà dunque possibile e consentito per motivi di ovvia semplificazione pagare anche attraverso i normali bonifici bancari/postali di cui sarà comunque necessario conservare la documentazione. Restano invariate le altre modalità di pagamento consentite come quelli effettuati con le Carte di Credito e Debito (i Bancomat). E' però chiarito che, se il pagamento dei mobili è effettuato mediante carte di credito o carte di debito, la data di pagamento è individuata nel giorno di utilizzo della carta di credito o di debito da parte del titolare, evidenziata nella ricevuta telematica di avvenuta transazione, e non nel giorno di addebito sul conto corrente del titolare stesso. Resta vietato effettuare il pagamento mediante assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento, per chi vuole usufruire dei benefici fiscali. I chiarimenti sul Bonus Mobili per le "Giovani Coppie": Alcune importanti precisazioni arrivano anche a proposito delle "giovani coppie", per le quali si spiega che, per gli sposi, non rilevando il requisito di durata del vincolo matrimoniale, è sufficiente che i soggetti risultino coniugati nell’anno 2016. Per le coppie conviventi "more uxorio" invece, la convivenza, che come è noto deve deve durare da almeno tre anni, si precisa che possa essere attestata dall’iscrizione dei due componenti nello stesso stato di famiglia, oppure mediante un’autocertificazione resa ai sensi del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445. Quindi un'ulteriore semplificazione che evidenzia ancora una volta lo scopo normativo di facilitare effettivamente i beneficiari dei bonus senza aggravarli da inutili pratiche burocratiche. A proposito dell'acquisto della casa da adibire ad abitazione principale da parte delle giovani coppie, che rientrano nei parametri di detrazione fino a 16000 euro, l’Agenzia delle entrare chiarisce che l’acquisto dell’unità immobiliare possa essere effettuato nell’anno 2016 o che possa però essere stato effettuato anche nell’anno 2015. E spiega, inoltre che l’unità immobiliare possa essere acquistata, a titolo oneroso o gratuito e che l’acquisto possa essere effettuato da entrambi i coniugi o conviventi more uxorio o da uno solo di essi. In quest’ultimo caso, nel rispetto della ratio della norma, l’acquisto deve però essere effettuato dal componente che caratterizza anagraficamente la giovane coppia e quindi dal componente che non abbia superato il 35° anno d’età nel 2016. A proposito dell'identità di chi acquista i beni che possono essere oggetto di bonus, l'Agenzia delle entrate precisa nell'ultima circolare che per fruire della detrazione, le relative spese di acquisto possono essere sostenute indifferentemente da parte di entrambi i componenti la giovane coppia oppure da uno solo dei componenti la giovane coppia, anche se diverso dal compagno che magari è proprietario dell’immobile ed anche se il componente la coppia che acquista i beni direttamente ha superato i 35 anni d’età. In pratica, con questa nuova circolare, il ministero ha voluto fare un po' di chiarezza circa quelli aspetti della norma che erano rimasti un po' nebulosi e rendere più semplici quelli adempimenti la cui procedura risultava piuttosto inutile. Sarà comunque nostra cura mantenervi informati sulle evoluzioni che vi saranno a proposito di questa normativa economica così importante per il nostro settore. Viste le numerose richieste ricevute ripubblicheremo, inoltre, gli articoli pubblicati a suo tempo a proposito di Bonus Mobili e delle agevolazioni per le "Giovani Coppie"